duvetica hong kongBlaBlaCar, cover duvet BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’

duvet cover comforter,,queen duvet bedding sets,,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’,queen bed duvet covers,,sacchi a pelo in duvet,ADNKRONOS Roma, 5 nov. (AdnKronos) – Un podio tutto verde: BlaBlaCar, la piattaforma di sharing mobility che permette di condividere i viaggi,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’, BeonD, la start up che produce una innovativa auto elettrica da città, e Mercatino, la rete di franchising dell’usato che ha reso la cultura del riuso un asset industriale. Sono queste le tre realtà produttive che hanno saputo interpretare al meglio le nuove tendenze della green economy nazionale e si sono aggiudicate il Premio Sviluppo Sostenibile 2015, promosso dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e da Ecomondo – Rimini Fiera, con l’adesione del Presidente della Repubblica che ha conferito una medaglia all’iniziativa. La Commissione quest’anno ha individuato i vincitori all’interno di tre sezioni: mobilità sostenibile, start up della green economy,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’, rifiuti e risorse. Accanto ai tre vincitori, ci sono altre 27 aziende segnalate (9 per ogni settore) cui è stata consegnata una targa di riconoscimento. Il premio dimostra che il green accomuna tutta l’Italia, le aziende premiate arrivano,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’, infatti, dal Trentino Alto Adige fino alla Sicilia,duvets covers on sale, con una più consistente rappresentanza in Lombardia ed Emilia Romagna. "Le imprese che hanno puntato sulla qualità ambientale – ha dichiarato il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile,white duvet set, Edo Ronchi- continuano a crescere e sono quelle che hanno reagito meglio alla crisi e hanno migliori aspettative economiche e oggi in Italia quasi una impresa su 2, il 42%, ha un indirizzo green. Il premio, diventato ormai un appuntamento tradizionale, si propone proprio di promuovere e far conoscere le buone pratiche e le tecnologie di successo di queste imprese italiane della green economy". Le aziende premiate e segnalate si sono distinte per attività e progetti che producano rilevanti benefici ambientali, abbiano un contenuto innovativo, positivi effetti economici e occupazionali e un potenziale di diffusione. Ecco le tre aziende vincitrici del Premio Sviluppo Sostenibile 2015: BlaBlaCar, piattaforma attiva in 19 Paesi con 20 milioni di iscritti che mette in contatto automobilisti con posti liberi a bordo e passeggeri che desiderano viaggiare nella stessa direzione e sono disposti a condividere le spese della benzina e dell’eventuale pedaggio autostradale. L’iniziativa, nata in Francia nel 2006, è arrivata in Italia nel 2012 e da allora è in forte crescita. BeonD è la start up di Torino che ha realizzato il prototipo di veicolo elettrico range extender Xam 2.0, un quadricilo pesante della categoria L7e da 2 posti e una massa di 410 chilogrammi, lunga 2,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’,piumino duvetica online,8 metri, larga 2,3 m e alta 1,28 m e raggiunge la velocità massima di 80 km/h (autolimitata). Come gli altri veicoli elettrici dispone di una batteria ricaricabile dalla rete in 6 ore, con un’autonomia di circa 70 km, ma, a differenza di altri, è dotato di un piccolo motore a combustione interna che alimenta un generatore elettrico in grado di caricare le batterie assicurando, con 10 litri di benzina, la percorrenza di ben 400 km. Un punto di partenza: l’idea è, infatti, di utilizzare le competenze ad alto livello acquisite per passare dal prototipo al prodotto. Il Mercatino di Verona ha creato una rete di franchising dell’usato con 200 negozi che operano in 18 Regioni e 60 Province, che consente al proprietario di un bene usato di metterlo in vendita senza disfarsene perché rimane proprietario fino alla vendita avvenuta e al negozio che espone il bene di guadagnare una provvigione al momento della vendita. Con questo sistema mobili e oggetti di arredo, apparecchiature elettriche ed elettroniche, libri e capi di abbigliamento e alti beni usati che, con elevata probabilità e in buona parte sarebbero destinati ad alimentare la produzione di rifiuti,single duvet cover, hanno una nuova vita, generando così valore economico, risparmio di risorse e riduzione dei rifiuti. Il Mercatino ha creato anche una piattaforma web per acquisti on line. Oltre ai vincitori fra i partecipanti sono state segnalate altre 9 imprese che si sono distinte per ciascuno dei tre settori del premio: mobilità sostenibile, start up della green economy, rifiuti e risorse. Mobilità Sostenibile: Clear Channel Italia – Noventa, per un sistema di Bike sharing, integrato con i mezzi di trasporto; Ecoitalmotor – Roma, per lo scooter elettrico G-eco di 150 cc che percorre con una ricarica 100Km; eVeryride – Milano,duvetica giubbotti,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’, per un’app che mostra su una mappa tutti i veicoli in car, bike,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’, scooter sharing; I.LOG – Iniziative Logistiche – Genova,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’, per un sistema di city logistics basato su ‘microcasse'; Landi Renzo – Cavriago (Reggio Emilia),90 duvet 10 piume, per il Nuovo Centro Tecnico RS nel campo dell’automotive; Magigas – Montale (Pistoia), per il D7, un additivo a base di bioetanolo da biomasse agricole; Sibeg – Catania, per il progetto ‘Green Mobility’ per rendere elettrico il parco di auto aziendali; Teknit – Ecomission – Genova,BlaBlaCar, BeonD e Mercatino sul podio del ‘green made in Italy’, per un nuovo scooter elettrico, interamente Made in Italy; Urban Bike Courier Sociale360 cooperativa sociale – Como, per il trasporto urbano di merci e di persone su tricicli elettrici. Start Up della Green Economy: Cargopooling, per una piattaforma che agevola i contatti tra chi trasporta e chi vuole spedire merci; EggPlant – Polignano a Mare (Bari), per un sistema di trattamento acque reflue a zero rifiuti; Lebsc – Bologna, per trattare il cemento amianto con acque di lavaggio di pomodori; Next Energy – Mattarello (Trento), per la turbina Giralog per produrre energia elettrica; Nova Somor – Rimini, per Eliopompa NS1 che pompa l’acqua utilizzando il caldo del sole; Personal Factory – Simbario (Vibo Valentia), per un piccolo impianto robotizzato, per la produzione di malte; Solergy Italia – Roma, per Cogen Cpv produzione combinata di energia elettrica fotovoltaica ad alta concentrazione con cogenerazione termica; Techflue – Cazzago San Martino (Brescia), per la generazione di energia elettrica da onde marine; Venturini Franco – Farra di Soligo (Treviso), per Energaid, pareti e coperture climatizzate con energia prossima a zero. Rifiuti e Risorse: Ambiente -San Vitaliano (Napoli), per ‘Green House’ un’isola ecologica mobile automatizzata; Ambienthesis – Segrate (Milano), per un impianto mobile per trattare terreni contaminati e inerti; Cartonspecialist – Settimo Milanese, per vaschette e piatti biodegradabili, compostabili e riciclabili; Chep Italia — Milano, per un nuovo quarto di pallet realizzato con polipropilene riciclato; Ecocentro tecnologie ambientali – Gorle,striped duvet covers king, per impianto trattamento rifiuti da spazzamento strade; Giunko – Bologna, per un’app che dal codice a barre di una confezione dice come differenziarla; Italferro – Divisione Ecofer – Roma, per la realizzazione di due impianti per il recupero del car fluff; Luigi Lavazza – Novamont, per la capsula compostabile per caffè espresso, realizzata in Mater-Bi; Solval- Rosignano Marittima, per il recupero di prodotti sodici residui derivati dalla depurazione dei fumi. © Riproduzione Riservata UltimeScienzaSalute: ogni anno lombalgia per 7 su 10, da reumatologi tecniche per batterlaFinte vaccinazioni a Treviso, l’accusata si difendeRicerca: studio italiano, sensibilità a ipnosi dimezza doloreFarmaci: rimborsabile in Italia anti-scompenso cardiaco NovartisIl riciclo di carta e cartone in Italia, una storia a lieto fine

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>